Fra Giuliano di S. Maria della Neve

Della numerosa e santa schiera dei fratelli laici fa parte Fra Giuliano di S. Maria della Neve.

Egli nacque a S. Gregorio da Sassola (Roma) nel 1675 e nel fiore degli anni – dice il necrologo – abbandono il mondo, si spoglid dei suoi beni donandoli al convento… e, rifuggendo da ogni vanita mondana, chiese umilmente l’abito religioso come fratello laico. Poiche professo il 5 agosto 1700, nel giorno della Madonna della Neve, ne assunse il cognome religioso e fece suo programma di vita i pensieri svolti da P. Giacomo da S. Felice nel discorso di circostanza: 1) purezza di spirito, perche essa e l’abitazione di Dio; 2) umilta, che geme e prega per ottenerla; 3) devozione alla Madonna, perche come senza il Verbo non e stato fatto niente, cosi senza Maria non pud rifarsi nulla. In tal modo “compiuto il suo trentacinquesimo anno di vita e decimo di sua vita religiosa, si ammald, e, consumato dalla malattia, ricevette in ginocchio tutti sacramenti circondato da tutti i confratelli in preghiera, chiese loro umilmente perdono delle sue colpe e lascid il mondo con piena serenita di animo e di volto (cfr P. Pietro Scalia, il Convento di Santa Maria Nuova, S. Greggio da Sassola, 2002, p. 108-109). Mori nel convento di S. Maria Nuova (Roma) il 12 luglio 1710, 300 anni fa, e fu sepolto nella tomba dei religiosi nella chiesa. Lascio ogni suo avere alla comunita religiosa. Fece morte santa, confortato dai Sacramenti e domandando umilmente perdono ai confratelli presenti. Anche se abbiamo pochissime notizie dei nostri Fratelli laici non vogliamo consegnare all’oblio questi umili e indispensabili confratelli che hanno servito fino all’eroismo le comunita. A loro va il nostro ringraziamento e che il Signore li ricompensi per le loro fatiche.